Benvenuti

Carissimo Viandante del Web,

se per caso ami la cultura e l'avventura e vorresti conoscere una terra magica e misteriosa, come la Sicilia, questo è il tuo blog. "Il Veltro", come un "segugio", ti indica la via per raggiungere luoghi affascinanti e antichi, tradizioni e feste popolari d'altri tempi e una e più storie.

Leggendo, viaggerai.
Buona Lettura.

Flavio R.G. Mela

Per inviare gli articoli personali o per comunicare
con "Il Veltro Blog" scrivere all'indirizzo e-mail:

segreteria.ilveltro@gmail.com



Spot. Il Veltro. Il Viaggio continua.

Oltre il Cuore di Sicilia. Eventi & Mostre. "Na Sbrizziata di Sali".

Cari Lettori, vi segnaliamo un'iniziativa interessante che si svolgerà a Catania presso l'ex Monastero dei Benedettini. Un'esperienza cultura che avrà come protagonista il sale. Sì, proprio il sale. Consci di avervi stuzziacato nella curiosità, vi rimandiamo al comunicato stampa che ci hanno inviato e che troverete a seguire. Buona lettura.


_________________________
Comunicato Stampa
“’NA SBRIZZIATA DI SALI”
ANTICHE CUCINE - EX MONASTERO DEI BENEDETTINI 19/28 NOVEMBRE - CATANIA
MOSTRA DI GIUSY DEMMA E GIOVANNI RUGGERI

IL RITO DEL SALE, IN UN CLICK ARRICCHITO DI FIBRE
LA MOSTRA È VISITABILE SINO AL 28 NOVEMBRE, CON INGRESSO GRATUITO

Il rito del sale, in tutte le sue sfaccettature: per preservare, conservare, cristallizzare, purificare. Ed ancora per cucinare, impreziosire, incantare, sedurre e nella duplice valente di elemento vivo e contemporaneamente morto.
La mostra “‘na sbrizziata di sali”, allestita nelle Antiche Cucine dell’ex Monastero dei Benedettini di Piazza Dante a Catania (fino al 28 novembre) dagli autori Giusy Demma e Giovanni Ruggeri, rappresenta l’eterna sfida della morte e della rinascita, dei contrasti tra bianco/nero e colore - i toni sui cui si fondano le immagini scattate da Giovanni Ruggeri - che ben si miscelano con le fibre, i grasselli, le terre e altri materiali che l’interior designer Giusy Demma ha utilizzato per arricchire le immagini immagazzinate e “adagiate” su pannelli. Adagiate come un velo che si poggia leggiadro sulle spalle denudate di una donna: così sono le fotografie lavorate a quattro mani dai due autori, in un intreccio quasi mistico.
Il lavoro, un progetto intrapreso circa un anno fa e che a detta di Giusy Demma e Giovanni Ruggeri, non è ancora completo, ha visto fiorire il colore bianco quale elemento principale della ricerca che li ha condotti al sale, l’elemento che dà acutezza nella mente, che offre la vita al mondo marino, che arrotonda i sapori in cucina e che, come in questo caso, in un accostamento antropologico-letterario-culturale, s’intreccia con la storia del luogo in cui le stesse immagini, sono ospitate: le Antiche Cucine dei Benedettini dove i monaci erano soliti preparare luculliani banchetti impreziositi dei riti antichi, lasciati ai posteri su imponenti tomi.
Seguendo un immaginario percorso, le fotografie “camminano” all’interno delle Antiche cucine facendoci vedere e sentire, i rumori dei gabbiani, dei pesci agonizzanti, dei bambini incuriositi dietro un grande portone semi aperto. Una mostra insomma, tutta da gustare.


INFORMAZIONI PER VISITATORI.

 Il vernissage sarà visitabile a gruppi di 20 persone fino al 28 novembre (con l’ausilio delle Guide delle Officine Culturali che traducono in parole i momenti della vita culinaria dei Benedettini).
 
ORARI DELLA MOSTRA E INDICAZIONI DI ACCESSO ALLE ANTICHE CUCINE

Sino al 28 novembre con i seguenti orari:
- venerdì, sabato e domenica dalle ore 18:00 alle ore 21:00;
- mentre dal lunedì al giovedì dalle ore 9:00 alle 12:00 / dalle 16:00 alle 19:00.
INGRESSO GRATUITO

PER ACCEDERE ALLE ANTICHE CUCINE

Sono due gli ingressi per accedere alla Antiche Cucine:
1)    da Via Biblioteca (adiacente Piazza Dante), percorrendo la grande scalinata che porta all’ingresso del palazzo: alla destra stanno le Biblioteche Riunite Recupero Ursino, frontalmente c’è l’accesso dell’antico refettorio dei Benedettini - l’Aula Magna “Santo Mazzarino”. L’ingresso delle Antiche Cucine è sulla destra. Percorrere l’atrio impreziosito dalle maioliche colorate e scendete la scala di ferro che conduce ai sotterranei.
2)    da Piazza Dante (ingresso centrale della Facoltà di Lettere e Filosofia), percorrere la grande scalinata di marmo bianco (senza alcuna differenza tra destra e sinistra), sino al primo piano. Seguire le indicazioni “Coro di Notte” e più avanti, “Aula Magna “Santo Mazzarino”. Quindi percorrere l’atrio impreziosito dalle maioliche colorate e scendete la scala di ferro che conduce ai sotterranei.

Si precisa che per motivi di sicurezza, l’ingresso da Via Biblioteca viene chiuso alle ore 18.30.



info: 348 7034950
simodurso@bizpress.it
ufficiostampa@bizpress.it

Nessun commento: